Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

giovedì 15 maggio 2014

Un medico perfetto (di Nicola Rachello)

L'appuntamento di oggi è ancora con Nicola Rachello, Maestro di Ho'oponopono Cristiano, che ormai è diventato non più ospite fisso di questo blog, ma praticamente un collaboratore a tempo pieno!
Ma so che questo a voi fa piacere, così come fa molto piacere anche a me, perché ci troviamo sulla stessa lunghezza d'onda di pensieri e di vita spirituale.
Oggi la sua riflessione ci parla della medicina migliore del mondo, la più ricercata ma forse anche la meno utilizzata.
Buona lettura.


UN MEDICO PERFETTO
Si racconta come, in un tempo in cui i farmaci erano poco diffusi e costosi, una madre preoccupata per la malattia del figlio si recò dal medico, perché le prescrivesse le cure più idonee. Il medico ascoltò attentamente la donna, che raccontò con minuzia, tutti i sintomi del figlio. Valutato che il caso non fosse particolarmente grave, si rivolse alla donna dicendole: “Suvvia signora, vedrà che suo figlio guarirà in pochissimi giorni. Questi piccoli disturbi solitamente si curano stando al caldo, ricevendo tante coccole e tanto amore”. La donna incalzò nuovamente il medico: “Dottore, dottore, ma se mio figlio non dovesse guarire?”. “Non si preoccupi signora, semplicemente aumenti la dose” rispose placidamente il medico.
Così osservo l’intero universo della mia vita: mio figlio, mia moglie, mia madre e miei parenti, gli amici di sempre e i nuovi amici, gli amici di Facebook, gli amici virtuali, i conoscenti, i colleghi di lavoro, spesso persone che non conosco nemmeno, le mie piante e gli animali della mia famiglia, tre splendide cucciole che portano i nomi di Rhonda panciotta bella, Stella-Amore e Luna-Gioia, poi c’è Fulmine una piccola cocorita, infine i pesciolini del mio acquario e una schiera di simpatiche galline che spadroneggiano nel mio giardino.
Tutto questo mio universo mi chiede una cosa sola: AMORE.
L'Amore di Gesù guarisce ogni infermità
E questa è la stessa e identica cosa che tutti gli altri universi richiedono, ovvero di essere amati, di sentire la vibrazione dell’amore, di percepire la gioia che si prova quando qualcuno si prende cura di noi e ci ricolma di attenzioni, amore e tenerezza. Così quando voglio essere un bravo padre, vado da quel medico che ormai conosco molto bene, e anch’io chiedo: “Dottore cosa posso fare?” Immancabilmente la risposta che ricevo è la stessa: “Ama, prenditi cura di chi sta attorno a te, delle persone che incontri, riversa il tuo amore su ogni individuo e in ogni situazione ”. Qualche volta esito... Per questo chiedo conferma: “E se come cura non dovesse funzionare? Se i problemi nascessero ugualmente? Come posso porre rimedio a tutto questo?” Così la risposta che ricevo incalza: “Aumenta la dose, ama di più!”
Sto imparando gradualmente questo insegnamento, così attorno a me molti alzano la mano e mi chiedono: “Come faccio ad amare?” “E poi quando amerò, come potrò amare di più?” Quante volte anch’io ho posto queste domande, così sono andato alla Scuola dell’Amore dove la Maestra si chiama Vita. Una delle prime cose che la Maestra Vita mi ha insegnato è stata quella di partire sempre dal punto in cui mi trovo, dalla situazione che sto vivendo ora e da lì iniziare. 
Tutto questo all’inizio mi appariva molto difficile e la rabbia che si muoveva dentro era molta. Ma ero sicuro, sapevo che in ogni persona che incontravo e che in ogni situazione che vivevo ci doveva essere qualcosa di positivo, un lato che potevo accettare, qualcosa che emanava luce. Una luce che per quanto piccola e debole fosse significava che lì c’era una briciola d’amore.
Valorizzo sempre le qualità di chi incontro, osservo sempre la situazione che vivo come un bicchiere che si sta colmando completamente e soprattutto non mi fermo a quello che potrebbe sembrare, ma scavo fino all’essere di ogni persona e situazione. Alla fine mi accorgo sempre che in me e in ogni persona c’è amore, che ovunque e in ogni cosa c’è amore. Quando ho trovato l’aspetto dal quale partire, l’aggancio che mi permette di affermare che in me trovo qualcosa di buono, che nell’altro trovo qualcosa di buono, che nella situazione in esame trovo qualcosa di buono, beh il gioco è fatto! Applico la cura completa: aumento la dose! 

2 commenti:

  1. Qualcuno ha scritto '' La cosa più alta è l'Amore''. Il nostro esercizio quotidiano della Scuola dell'Amore consiste nell'esercizio dell'Amore del sostegno e della carità nei confronti prima di tutto di noi stessi e poi verso il prossimo! Quando arriviamo, essere e divenire consapevoli dell'Amore, allora manifestiamo la nostra inclinazione di fondo ad essere portatori di Luce e proiettati verso la Luce dell'Amore!..Grazie namastè Pace dell'Io Marzia

    RispondiElimina
  2. Si cara Marzia, condivido le tue parole e ti ringrazio per la tua presenza. I love you!

    RispondiElimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...