Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

lunedì 23 giugno 2014

Ho'oponopono Cristiano Un solo insegnamento: l'amore (libro di Nicola Rachello)

Ho ancora diversi dubbi sull'Ho'oponopono.
Ma i dubbi, normalmente, derivano dall'ignoranza, dalla non conoscenza delle cose.
All'inizio snobbai l'Ho'oponopono perché quel nome mi sembrava troppo buffo per essere una cosa seria. Andando in libreria e trovandomi di fronte a volumi pieni di colori e con quella parola nel titolo mi veniva spontaneo metterli da parte, senza neanche prendermi la briga, come faccio sempre, di leggere la quarta di copertina.
Poi cominciai a dare uno sguardo alla presentazione sul retro dei volumi e anche qui riponevo subito i libri perché mi sembrava di essere davanti a quelle che io chiamo "americanate spirituali", cioè quella spettacolarizzazione delle cose serie fatte apposta per attirare gente dalla mente inconsistente e, quindi, far fare soldi agli autori.
Quante sono le tecniche che arrivano dall'altra parte dell'oceano che promettono di schiacciare un bottone o dire una parola magica e farci diventare saggi più di Osho e di Neale Walsch!?
Ecco, io mi trovavo proprio in quella situazione di ignoranza: non conoscevo quello che avevo davanti. E forse ero inconsciamente fuorviato anche dal fatto che questa tecnica veniva da una cultura molto distante (non solo fisicamente) dalla mia.
Poi il mio peregrinare da internauta mi ha portato a conoscere Nicola Rachello e, con lui, sono incappato di nuovo nell'Ho'oponopono, anche se questa volta ho trovato pane per i miei denti:
affermava che il suo era un Ho'oponopono Cristiano.
Da lì, a valanga, è venuta la mia conoscenza della sua persona, il recupero in rete di tutto quello che ho trovato sull'Ho'oponopono, l'approfondimento di questa tecnica (si può chiamare così? non l'ho ancora chiesto a Nicola) hawaiana e della sua versione cristiana.
Naturalmente il passo più importnate è stato l'acquisto del suo libro Ho'oponopono cristiano Un solo insegnamento: l'amore, edito da Editoriale Programma.
Qui dovrei narrare le vicissitudini per avere il libro, ma in breve vi dirò che nella mia libreria di fiducia non sono riuscito ad acquistarlo, perché, a loro dire, la casa editrice non aveva un distributore abbastanza importante da poterglielo fornire. Così ho ripiegato sulla versione elettronica che ho acquistato on line.
L'acquisto però, mi ha lasciato insoddisfatto perché, a mio avviso, la versione digitale di un libro va benissimo per un romanzo o una lettura tranquilla, ma per un testo spirituale di questo genere c'è bisogno della vecchia e buona carta. Io infatti sono abituato a fare domande a quello che leggo, a cercare collegamenti tra un concetto e l'altro, a sottolineare il testo, ad andare avanti e indietro nelle pagine.
E così, ecco il dono: un giorno il postino mi recapita il volume che Nicola ha voluto regalarmi, autografato!
L'ho lasciato un paio di giorni lì, sul tavolo insieme ad altri testi, ai fogli per gli appunti, a fotocopie su cui stavo lavorando. Era come se avessi paura di aprirlo, non so neanche io perché.
Forse avevo paura di trovare quelle risposte che cercavo. E si sa che quando una cosa la conosci, non hai più scuse: la devi accettare o rifiutare. E se l'accetti devi andare fino in fondo. Io almeno sono fatto così.
Ora, dopo quasi un mese, il libro gira da una scrivania all'altra, dalla sedia alla poltrona, dal negozio a casa, dovunque mi serva per dargli un'occhiata.
Di cosa parla questo libro? Semplice, è la storia di un uomo, che potrebbe essere Nicola come ognuno di noi, che cerca di capirci qualcosa della sua vita, e fa una serie di tentativi: interroga filosofie, religioni, santoni, saggi.
Alla fine trova nell'Ho'oponopono la risposta alle sue domande: la causa dele nostre sofferenze, dei nostri problemi con la vita e con gli altri è una: le nostre memorie sono malate, sporche, e questa cosa così semplice influisce su tutto. E c'è un solo modo per guiarirle: volendolo e chiedendolo a Colui che solo può farlo: Dio!
Nicola racconta come c'è arrivato e, soprattutto, come si è reso conto, lavorando con gruppi di persone disposte a farsi aiutare da questa tecnica, che in fondo tutto questo non è altro che cristianesimo applicato.
La fede in Gesù, le parole della Bibbia, le preghiere di personaggi come Francesco d'Assisi e altri, sono gli strumenti per arrivare alla guarigione.



Posso permettermi di suggerire una supersintesi? Chi guarisce la nostra anima è Gesù, il confidare in Lui, e non ce n'è per niente e nessun altro. È così facile che sembra impossibile!
Dietro queste cose così semplici, naturalmente, c'è tutto un lavoro spirituale, di ricerca e di abbandono nel Signore che Nicola racconta con la sua tipica maestria e genuinità disarmanti.
Nient'altro.
O meglio, ci sarebbe tante altre cose da dire, ma bisognerebbe scrivere un libro a parte per parlare del lavoro di Nicola e, normalmente, questo non si fa.
Grazie Nicola per averci dato questo volume e, in modo particolare, per aver dato una base cristiana a qualcosa di così importante e utile nel cammino verso la Casa.


Juan Segundo
 

Nessun commento:

Posta un commento

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...