Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

mercoledì 30 ottobre 2013

La fede secondo Omraam

Dopo il pensiero di Krishnamurti su fede, conversione e religione, ecco oggi il contributo di un altro maestro spirituale, Omraam Mikhael Aivanhov.
Omraam è nato all'inizio del secolo passato e che lo ha attraverso quasi tutto fino al termine della sua vita terrena nel 1986. Girando per il mondo egli ha conosciuto ogni tipo (o quasi) di spiritualità, da quelle tradizionali a quelle cosiddette new age, dall'esoterismo all'astrologia, dall'antroposofia al rosacrucianesimo. Ed è stato capace di mettere queste sue conoscenze al servizio di quella che per lui era la ricerca ultima e più importante: l'uomo.
Egli ha lasciato nelle sue circa cinquemila conferenze un patrimonio di riflessioni che sviscerano ogni aspetto del vivere umano al solo scopo di metterlo a nudo e aiutarlo a progredire spiritualmente.

Perché la sua ricerca non andasse perduta ha fondato la Fratellanza Bianca Universale, dove il termine Bianca non ha connotazioni razziste ma "si riferisce alla luce bianca, simbolo spirituale di purezza, di disinteresse, che è la sintesi di tutti i colori (come dimostrato dalla sua scomposizione attraverso un prisma), colori che la tradizione mistica considera manifestazioni delle virtù divine dell’anima".
Insieme a Krishnamurti e Osho (pur nella loro diversità) è uno dei personaggi a cui sono più legato e in cui ritrovo la familiarità dell'amico prima ancora che del maestro.
Eccolo in una delle sue conferenze. Solo ascoltando la sua voce siamo portati a entrare nel suo mondo e a far in modo che lui, pur se attraverso le diavolerie della multmedialità, entri nel nostro. E, questo è l'effetto che fa a me, vorremmo stare sempre lì, ad ascoltare.



Qui riporto una sua riflessione sulla fede, distinta dalla credenza e slegata da ogni religione e/o gruppo costituito. 
  "La fede non è un sentimento irrazionale, ma ha come fondamento le esperienze che abbiamo fatto nel corso delle nostre incarnazioni passate, esperienze che si sono inscritte nella nostra anima. Sì, è tutto ciò che l’uomo ha studiato, verificato e vissuto nelle proprie esistenze precedenti che sta all’origine della sua fede. Non si può avere fede se non in quello che si è sperimentato, altrimenti non si deve parlare di fede, ma soltanto di credenza. Se avete fede in Dio, è perché avete comunicato con Lui, perché Lo avete toccato, e quel contatto ha lasciato in voi una traccia così forte che non potete più dubitare: la fede in Dio si è inscritta in voi.
Se siete in grado di affermare che un certo percorso conduce a una determinata stazione, è perché conoscete l’itinerario. Ma se dite che passando per un certo luogo raggiungerete palazzi e giardini, e invece non trovate altro che acquitrini o precipizi, significa semplicemente che eravate spinti dal bisogno di credere e non dalla certezza della fede. La credenza è il risultato di un desiderio soggettivo: ci si illude che una certa cosa si realizzerà, ma il più delle volte questo non avviene. La fede, invece, è una certezza assoluta che sfocia in una realizzazione."
 Aspetto i vostro commenti, dove potrò dare qualche altro riferimento importante per conoscere quest'uomo dallo spirito così aperto e impegnato.


Tim / Juan Segundo 

5134322

5 commenti:

  1. Ecco... con la filosofia di Omraam mi trovo più in sintonia. Ammetto però l'ignoranza, per cui cercherò di approfondire "la conoscenza" ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli scritti di Omraam (o meglio le trascrizioni delle conferenze, perché O. non scrisse praticamente niente) sono pubblicate dalla casa editrice Prosveta e non è facile trovarli in una libreria che non sia specializzata. Dal sito della casa editrice, oltre a poter ordinare i libri, puoi anche richiedere l'invio gratuito quotidiano del 'pensiero del giorno'. Questo è l'indirizzo: http://www.prosveta.it/index.htm. Omraam è tra i maestri spirituali del secolo scorso il più vicino a noi, forse perché nato e cresciuto in europa. ma anche perché era un pedagogista, quindi sapeva trovare le corde giuste per parlare alla gente in modo semplice.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. molto, molto molto interessante Tim! Mi piacciono queste tue "escursioni"! bravo, grazie della condivisione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te dell'attenzione! spero che il 'nuovo corso' del blog interesi più persone, non per 'fare i numeri', ma per divulgare esperienze che possano servire anche a chi non pensa di averne bisogno, o che stava aspettando proprio quella frase, quel pensiero. Invito anche te ad andare a spulciare la casa editrice di cui ho messo il link nella risposta a glauco.

      Elimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...