Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

giovedì 30 gennaio 2014

Gandhi, maestro di coerenza e forza


Il 30 gennaio 1948 un indiano di religione indù, uccide con tre colpi di pistola Mohandas Gandhi.
Gandhi fu un uomo che senza mai possedere nulla in vita sua (neanche i vestiti che aveva addosso e che si cuciva da se); senza mai puntare un dito contro qualcuno; ma semplicemente camminando per le strade della sua patria portando pace e amore nel bel mezzo di una dittatura prima e di una guerra poi, era riuscito a liberare l'India dall'occupazione britannica e a riunificare e riappacificare le anime musulmane e indù perennemente in lotta della sua gente.
Come ebbe modo di dire Albert Einstein: "Le generazioni future stenteranno a credere che un simile uomo in carne ed ossa abbia camminato sulla terra".
Ed è proprio vero: chi avrebbe oggi il coraggio di credere che si possono raggiungere quei risultati senza un'arma, senza un a minaccia anche verbale al 'nemico'? Noi che parliamo di 'guerra preventiva', cioè: ti attacco prima io che non si sa mai lo faccia tu? Noi che riempiamo la nostra terra di armi di distruzione di massa invece di usare tempo, soldi ed energia per sfamare chi ha fame e curare chi è malato? Certamente no!
Se la nostra società non raggiunge gli obiettivi minimi perché ogni uomo raggiunga la dignità che gli è dovuta, non è perché non si può, perché la situazione è complessa.
Ciò avviene semplicemente perché l'uomo non lo vuole, perché a qualcuno conviene costruire e vendere armi e per fare questo c'è bisogno che ogni giorno sulla terra spunti fuori una nuova guerra tra nazioni o tra popoli o tra etnie e clan.
Penso che l'uomo di per sé voglia la pace e la salute, non la guerra e la malattia.
Se al mattino guardandoci allo specchio, mentre ci facciamo la barba o ci mettiamo le creme di bellezza, pensassimo anche solo per un attimo: anche oggi nel mondo moriranno 20mila bambini di cui la metà per fame e l'altra metà per malattie che da noi si potrebbero curare in meno di qualche giorno, forse la nostra giornata sarebbe diversa. 
Diversa per chi continua a ragionare sempre nello stesso modo egoista, perché questa notizia avrà (per fortuna!) rovinato la sua bella giornata fatta di incontri psicologicamente gratificanti, di stage di crescita personale e spirituale, di lezioni ed esperienze rilassanti, ecc. ecc. .
Diversa anche per chi, invece, continua ad impegnarsi a costruire per se stesso e per gli altri un mondo più giusto ed equo, dove io non viene prima degli altri, ma semmai insieme. La sua giornata sarà diversa perché troverà dentro di sé la forza per impegnarsi sempre di più.
Gandhi disse un giorno che appena ebbe ascoltato il sermone del monte (Mt 5,2-12) il suo cuore ne fu trapassato e che bastò quell'insegnamento per fargli capire che Gesù era il più grande profeta mai esistito sulla terra. E sempre quel racconto della Bibbia l'aiutò a comprendere meglio anche le scritture sacre della sua religione (egli era induista).
Queste parole di questo piccolo grande uomo, il suo esempio di rettitudine e sacrificio fino alla morte, aiutino noi a riscoprire ciò che sta alla base della nostra fede e ad ascoltare quotidianamente l'invito che il Signore pone nel nostro cuore alla conversione e all'amore compassionevole e operoso. 
Il mondo attorno a noi ha bisogno di noi, ed è per questo che Dio ci ha messo proprio qui.
E Gandhi ci ha insegnato che, col Signore nel cuore, nessuna impresa è impossibile.
Se avete voglia di approfondire la figura di Gandhi, vi lascio come sempre qualche link.
In questo sito troverete indicazioni sulla vita, l'opera e il pensiero di Gandhi, oltre ad altri link di riferimento.

Qui, invece, c'è una biografia abbastanza semplice e un lungo articolo con frasi sulla non-violenza.
Poi, naturalmente, vi consiglio di vedere (o rivedere) il bellissimo film sulla sua vita: commovente e motivante.




Juan Segundo

8 commenti:

  1. Grazie per la splendida sensazione che ha evocato in me..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le grandi anime continuano a pervadere il mondo, l'umanità, ad esserci vicino. Perché è questo il loro compito: guidare, e lo fanno sempre e comunque. grazie a te per la condivisione.

      Elimina
  2. Grande personalità, grande uomo... ma cos'è quel pop-up che mi compare quando entro nel tuo blog? Un concorso di bellezza per blog? Boh... E' fastidioso, e per qualche motivo riesce pure a superare lo sbarramento del "blocca pop-up". :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso sia qualcosa che hanno messo da blog parade... probabilmente ho toccato qualcosa (visto che sono imbranato!) e hanno inserito 'sta roba. vado a cercare di riparare il danno.

      Elimina
  3. Una delle piú grandi figure di tutta la storia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici bene. uno che ha sempre guardato al sodo, dicendo anzitutto a se stesso la verità, sempre e comunque, che non è mai sceso a patti con la menzogna e col potere. grazie per la visita!

      Elimina
  4. Un grandissimo uomo, giustissimo il giudizio di Einstein. Peccato però constatare che l'India post britannica non ha seguito il suo esempio, si è subito scissa dalle regioni a maggioranza musulmana (Pakistan e Bangladesh) e persegue una politica da grande potenza economica e militare... in un certo senso mi pare un tradimento di ideali, considerato che a governare è lo stesso partito di cui ha fatto parte anche lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai perfettamente ragione. Questo dimostra, a mio parere, che non basta mai un uomo solo, per quanto eccezionale, a cambiare il mondo. la figura eccezionale serve a dare lo sprone, a dare il la, ma poi il risveglio deve essere comune. certamente la sua presenza è stata essenziole e anche se no0n ha alla fine raggiunto lo scopo che si era prefissato, nonostante tutto ha dato il via ad un movimento enorme di consapevolezza che ha lasciato un grosso solco anche in altri campi. Purtroppo il potere nutre se stesso sempre delle stesse cose: armi, soldi, egoismo, sopraffazione...

      Elimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...