Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

lunedì 8 settembre 2008

STA RINFRESCANDO NELLA SERA

Devo far mettere l'apertura elettrica alla porta del garage. Sarà l'età, ma la serranda è pesante da far salire, o forse è solo che la vita sedentaria toglie le forze e ogni cosa anche minima sembra una montagna. Stamane una nostra amica (che chiamerò Pietra di Luna, almeno finché lei stessa non ci farà sapere con quale nome vorrà essere conosciuta e chiamata) mi ha confessato via SMS di non sapere cosa sia un blog. Ho cercato di spiegarglielo, invitandola ad entrare nel cerchio (per ora ahimè molto ristretto) dei frequentatori del garage - perché lei avrebbe molte cose importanti e interessanti da farci conoscere -, facendole anche vedere i lati positivi di allargare la famiglia anche attraverso questo mezzo nuovo e veloce. E lei mi ha risposto: ma allora è come un tazebao! Ha ragione per la miseria! di novità, in fondo, nella storia del mondo c'è molto poco. E' tutto un riscoprire cose antiche, perse, buttate, uccise dalla schiacciasassi di uno pseudoprogresso effimero e mostruoso. Già la parola 'tazebao' (ricordate quei mega cartelloni su cui ognuno attaccava con lo scotch, che mollava dopo mezz'ora, biglietti scritti a mano con le sue idee o i suoi bisogni o semplicemente la sua ultima poesia per il Che) ha richiamato in me anni passati, dimenticati e quasi rimossi; quando era un dovere alzare il pugno chiuso per dire: ehi gente voi dite quello che volete, io la penso così; e non c'era bisogno di aggiungere altro, perché quel gesto, di per sé, aveva detto tutto, commentato ciò che stava accadendo e posto le base per un modo diverso di vedere quelle cose. Oggi io stesso mi vergognerei ad alzare la mano a pugno e puntarla contro qualcuno o qualcosa. Ma quante volte l'ho fatto purtroppo tenendola in tasca, dove nessuno poteva vederla. Avrei dovuto alzarla, per esempio ieri, domenica 7 settembre, davanti alle immagini del Sig. Ratzinger, presidente - re di uno stato estero, che per una gita fuori porta in Sardegna ha avuto il gradito dono di un passaggio su un aereo della Repubblica Italiana. E dietro di lui il Sig. Silvio Berlusconi (che oltre a fare il presidente del Milan, e di qualche altro centinaio di aziende, enti e banche, a tempo perso cura i suoi interessi nella sua veste di presidente del Consiglio) che per raggiungere il suddetto Ratzinger ha preso un altro aereo, sempre della Repubblica Italiana. Cioé ho pagato tutto io e qualche altra decina di milioni di tartassati italiani. Anche tu che stai leggendo.
Ma vorrei andare un attimo ad un'altra cosa che mi sta a cuore. La novità di riscoprire. Sarebbe lungo scrivere tutto quello che vorrei dire, ed anche difficile, perché anch'io non ho digerito abbastanza queste cose. Se riflettiamo un pò, la storia del mondo è piena di passaggi da una civiltà ad un'altra in cui sembra che la vecchia sia solo un'orda di barbari, magari sporchi, con usi e costumi primitivi, e che la nuova faccia intravedere nuovi orizzonti, in cui tutti sono uguali, le malattie sono debellate (quelle vecchie), il modo di coltivare la terra (o la produzione industriale) subisce un improvviso balzo tecnologico in avanti, ecc. ecc.. Dopo 50 - 100 anni un'altra capriola e tutto cambia nuovamente. Ma se ci fate caso, ogni l'uomo diventa sempre più un numero, si allontana sempre più dalla terra, intesa non come zolla da coltivare, ma come madre d'ogni cosa che respira e sospira su di essa. Aria acqua terra fuoco si allontanano dall'essere considerati l'essenza dell'uomo e restano solo suoi servitori. E come ogni padrone egoista e dispotico l'uomo li rende suoi schiavi, fino ad avvelenarli, a spegnerli, a distruggerli. Senza capire che così facendo ha avvelenato, spento, distrutto se stesso. Facciamo ancora in tempo a fermarlo?
Una proposta piccola. Il premio Nobel indiano per la pace 2007 (non ricordo come si chiama) ha dichiarato che se si smettesse di mangiare carne, si potrebbe ridurre di un quinto l'emissione di gas serra, causati dall'indotto della produzione, dal taglio delle foreste per la creazione di nuovi pascoli, ecc.. E questo non come sua peregrina idea, ma dopo aver condotto con altri scienziati di tutto il mondo una ricerca, che presuppongo seria.
Giro a voi questa proposta (Pietra di Luna nella sua veste professionale potrebbe anche dirci se il consumo, anche non eccessivo, di carne può far male alla salute).
Alzo il pugno verso il cielo, e prima di uscire nel fresco della sera, lo metto in tasca.
Ora devo riuscire ad abbassare la serranda. C'è qualcuno nelle vicinanze che vorrebbe dare una mano alla mia schiena?
TIM

4 commenti:

  1. Caro Tim, se Pietra di Luna non conosceva il blog, io non sapevo, fini a qualche istante fa, cosa fosse un tazebao. Da quanto ho capito è qualcosa di simile alla politica. Con l'unica differenza che, forse, il tazebao ha un suo codice di censura e la politica no. La Gelmini, per esempio, ha detto a tutti i precari della scuola che non ci sarà un futuro lavorativo per loro ma che si sta adoperando per "sistemarli" come operatori turistici... Che bello, finalmente potrò viaggiare, perchè se Mr. Ratzinger viaggia con l'aereo della Repubblica Italiana (pagato anche da me) e berlusconi lo segue (almeno prendessero lo stesso aereo) io, non posso permettermi neanche il treno. Mr. Ratzinger, Mr Berlusca se proprio non vi spiace, la prossima volta mi date un passaggio?....
    Bibiana

    RispondiElimina
  2. Meraviglioso!!!! Abbiamo il potere di selezionare la specie. basta un prelievo, un bel pò di soldi e sappiamo se tenerci quel battito d'ali che sentiamo in grembo oppure mandarlo a cagare. "Mi spiace carino, ma non ti aspettavo mica così!!!!" Allo stesso tempo moriamo di cancro. Ma perchè quella stessa scienza non è ancora arrivata a capirne la cura? I più magligni affermano che le cure esistono ma non vengono diffuse per non far dispetto alle industrie farmaceutiche.... Bhò, non ci capisco nulla... Sto ancora pensando a tutti quelle farfalline mandate a cagare.....

    RispondiElimina
  3. stai sempre a guardà er capello, loro son mica turisti "faidatè". C'è solo da imparare...

    RispondiElimina
  4. artemide denoantri27 settembre 2008 23:19

    stai sempre agurdà er capello, loro son mica turisti "faidatè".
    C'è solo da imparare....

    RispondiElimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...