Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

lunedì 18 aprile 2011

Poe, Borges e Francesco Guccini: niente paura è Il Progetto Babele


rubata da qui
Iniziamo la settimana parlando di scrittura.
E di cosa altro volete leggere in un blog che si occupa essenzialmente di scrittura?
Dunque, forse non tutti sanno che... esiste un sito che si chiama Progetto Babele.
Era il lontano (nell'era di internet ieri è come il 1945!) 2002, quando Marco Roberto Capelli ha un'idea: perché non dare a scrittori, più o meno noti, che già bazzicano su internet, la possibilità di far conoscere i loro lavori?
E qui parte subito una piccola polemica, con tutte quelle realtà che proprio in quel periodo stavano venendo fuori, quelle definite siti contenitori, dove chiunque può mandare un proprio scritto e se lo vede pubblicare, a prescindere dalla qualità. Nel PB, invece, verranno accolti solo lavori scelti, selezionati. E infatti, volete un esempiodi alcuni tra gli autori sinora pubblicati? Gordiano Lupi, Corrado Augias, Sabina Marchesi, Valerio Evangelisti, Michael Hoeye, Fernando Sorrentino, Isabella Bossi Fedrigotti, Francesco Guccini, Gery Palazzotto, Tullio Avoledo, Nanni Balestrini, Arturo Pérez-Reverte, Piersandro Pallavicini, Mikkel Birkegaard. E scusate se è poco.
Ma Progetto Babele non è solo questo, è anche articoli di critica letteraria, interviste e speciali su scrittori affermati; forse per questo motivo si può catalogare soprattutto come rivista letteraria in formato digitale.
C'è poi  una sezione Traducendo Traducendo che presenta autori spesso poco noti o provenienti da aree linguistiche poco conosciute in Italia, e un'altra dedicata alle Riscoperte.
Interessante anche il settore Audiolibri, nella quale è possibile scaricare le versioni audio di alcuni dei racconti pubblicati sulla rivista.
Al momento sono usciti una ventina di numeri della serie regolare e sette speciali, per un totale di circa 2000 pagine. E, udite udite!, tutti sono scaricabili gratuitamente dal sito.
Per chi continua ad amare la carta frusciante e odorosa, dal 2003 in collaborazione con la casa editrice Stampalibri è possibile acquistare anche le copie cartacee della rivista.
Ma non è finita qui. Esistono anche I Libri di Progetto Babele che (come dice la presentazione) mostrano "al di fuori di quelle che possono essere le mode e le tendenze del momento, autori che, davvero abbiano qualcosa da dire". Il tutto è stampato per i tipi della Edizioni Simple Macerata (che poi sono sempre quelli della Stampalibri).
Volete un assaggio della rivista? Bene, eccovi un'intervista a Francesco Guccini e una biografia di J. L. Borges (giacché il titolo della fanzine è un omaggio allo scrittore argentino).
E visto che noi siamo di una certa razza, ecco a voi un vecchia intervista al fondatore pubblicata in La tela nera e un articolo da titolo improbabile: Il racconto deduttivo di Poe ed Il Labirinto svelato di Borges.
Per noi scribacchini c'è anche la pagina delle segnalazioni di concorsi letterari, sempre aggiornata.
E poi c'è il Forum, la Chat, la Stazione di servizio per aspiranti scrittori (questa per me cade a fagiuolo!)...
Che volete di più dalla vita? no, no, niente risposte scontate, niente pubblicità sul mio blog, tranne quelle utili, come appunto questa per il Progetto Babele.
Attenti a quel basso!
TIM




.

3 commenti:

  1. Conoscevo PB, ma confesso che l'ho "frequentato" poco sino a oggi. Mi hai fatto venire voglia di recuperare il terreno perduto ;-)

    RispondiElimina
  2. Io non la conoscevo nemmeno!
    Accidenti quante cose da recuperare. Sempre la stessa storia: tanto da conoscere e poco tempo per poterlo fare. :((

    RispondiElimina
  3. @ Ariano: io l'ho conosciuto da poco e non l'ho 'girato' bene tutto, però mi sembra un'ottima iniziativa.
    @ Nick: è proprio vero che il tempo è tiranno! o forse siamo noi che ci interessiamo di troppe cose? Mah!
    Temistocle

    RispondiElimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...