Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

martedì 24 luglio 2012

W la nicchia!

Attenti osservatori
della... nicchia!
E non mi state a fare battute volgari e indecenti, perché voi sapete che io so a cosa voi state pensando!
Recita il Dizionario Fondamentale della lingua Italiana De Agostini alla parola nicchia: incavo praticato nel muro per collocarvi statuette, vasi e simili
Ora, riflettevo qualche giorno fa, le nostre case-blog sono piene di discussioni strabocchevoli e spesso furiose su chi legge cosa. Su un certo tipo di lett(erat)ura che farebbe bene alla salute e altra che invece creerebbe decerebrati cronici.
Tutto bello e tutto santo, le faccio anch'io e anch'io ho le mie ideuzze personali che spesso spammo con generosità a destra e a manca.
Ma, quando sento parlare di scrittore di nicchiagenere letterario di nicchia, e (di conseguenza) lettore di nicchia, mi viene in mente che nelle nicchie si piazzano le statue. Di conseguenza ognuno ha i suoi santini (e non parlo di Gianluca!) e guai a chi glieli tocca!




Così*:
non esiste che Fabio Volo!
l'insuperato E.A.P.!
l'insuperabile Stephen King (quindi il primo potrebbe trovare un degno successore che lo possa superare; il secondo, invece, resta lì e non teme alcuna concorrenza)!
l'inarrivabile Glen Cooper (che anche se non lo conosce quasi nessuno è proprio il massimo; anzi forse proprio per questo: così non si può oggettivamente paragonare ad alcuno e resterà sempre lassù, nell'olimpo dei migliori)!
l'eccellente Dave Zeltserman (che mi si intorcina la lingua a pronunciarlo, ma pare funzioni)!
la scrittrice maledetta Susanna Tamaro (ognuno ha i suoi gusti)!
sbavo per Jack Kerouak!
conosco a memoria Joyce (paura!)
e Pirandello? dove lo mettiamo Pirandello?
... e via discorrendo.
Allora, in conclusione, chi è il più grande scrittore di tutti i tempi? e qual'è la migliore opera letteraria di sempre? Ma quella che vi piace, no!
E a proposito di scrittori e di opere letterarie che mi piacciono, eccone uno da non perdere. Esordiente? giovane scrittore? emergente? Non lo so, so solo che mi piace, e proprio in questi giorni ha vinto anche il premio Urania 2012: signori e signore, uno dei miei sant... scrittori preferiti: Alessandro Forlani!**
-----
Aggiornamento veloce: Alessandro Forlani raddoppia e vince anche il Premio Kipple 2012 sempre con lo stesso romanzo, che ha per titolo I Negromanti ma sarà pubblicato da Mondadori in Urania di Novembre come I senza Tempo.
-----
E con questo è tutto.
Alla prossima con, forse, un post della serie Alcune cose che...

* i nomi sono messi a caso; ognuno piazzi quello del suo sant... scrittore preferito!
** per Alessandro: a parte ti invio fattura per spot.


TIM

14 commenti:

  1. Quello di Forlani, penso, sarà uno dei miei primi Urania che leggerò su ebook (visto che finalmente gli Urania appaiono sul Kindle Store!!) ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece, penso, lo comprerò in cartaceo. un po' per non dover star lì a convertire, e poi ah, l'odore della carta...

      Elimina
  2. Sì W il cartaceo. E viva la nicchia!!!

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in fondo siamo tutti lettori di nicchia! e ce la teniamo ben stretta! e spero che nessuno prenda la sua troppo sul serio!

      Elimina
  3. E nella nicchia metti la statua, e su questa scultura immobile presto s'appollaiano i piccioni, il muschio cresce e le pioggie acide scavano profondi solchi... dura la vita del lettore di nicchia XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vista così, è proprio tragica! ma il senso è quello: quando una cosa si fossilizza troppo, rischia di diventare un posto buono solo per gli uccelli!

      Elimina
  4. Grazieee!

    p.s. ok, ho appena venduto il rene, puoi passare a riscuotere quando vuoi :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ti preoccupare, accetto anche dilazioni! ho appena aggiornato il post con il Kipple, quindi doppi complimenti! certo due in un giorno solo mi sembrano un po' tanti da sopportare; evidente ti ci devi abituare!

      Elimina
  5. Nella mia nicchia c'è Pirandello.
    Nella libreria sicuramente a breve ci sarà un certo romanzo della collana Urania :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottime scelte (anche io di Pirandello ho letto molto poco, ma di un classico si dice sempre che è un maestro insuperato!) tra il passato e il futuro.

      Elimina
  6. Risposte
    1. W tutti! siamo bravi, siamo belli e, soprattutto, vogliamo andare in vacanza!

      Elimina
  7. Forlani me lo prendo anche io,


    nb per me è Hemingway

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho mai letto con attenzione Hemingway, ma molti classici mi mancano. Forlani è in qualche modo 'il nuovo che avanza' per la sua scrittura semplice e allo stesso tempo ricercata.

      Elimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...