Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

venerdì 29 ottobre 2010

A che punto siamo

Si, ho scritto proprio 'a che punto siamo' e non 'sono' non perché voglia usare il plurale maiestatis, ma perché penso che, specie per il blog, tutto quello che facciamo è anche 'per' e 'con' gli altri. Ma questo è un altro discorso.
A che punto siamo, dicevo. Ho appena finito di leggere i due lavori di Alex 'von' Girola e di Ariano Geta, e di questo vi ho parlato qui e qui. Nel frattempo sto facendo un lavoretto per un amico blogger (sempre roba  di una certa importanza, almeno per me); e sono in procinto di sapere se dovrò lavorare alla prefazione per un altro amico (questo non di blog, ma che conosco in carne ed ossa, anzi 1,90 di carne e ossa!) che entro Natale pubblicherà un libro di poesie con la casa editrice Mursia. Ma di questo progetto vi parlerò quando uscirà in libreria.
Nel frattempo ho tre lavoretti miei che mi fanno l'occhiolino ogni volta che mi avvicino alla scrivania e, come le sirene di Ulisse, cercano di accalappiarmi. Finora ho sempre resistito (eh, certo, non ho avuto tempo!) ma prima o poi capitolerò e a qualcosa metterò mano.
Uno è un racconto lungo, un'ottantina di pagine, forse la cosa più 'grossa' a cui ho dato fondo finora da quando scribacchio. E' un racconto su un viaggio nel tempo, anzi anche su quello, perché il tema che ho cercato di affrontre è, in fondo, un altro. Ma spero lo vedrete a breve: ne sto facendo una riscrittura dopo che un amico ci ha dato una lettura e mi ha fatto qualche appunto.
Il secondo è quello sull'incontro con la vecchina del book crossing ante litteram di cui vi ho parlato qui: finalmente ho cominciato, ma è ancora tutto da scrivere.
Infine un lavoretto che, per ora, non ha un tema preciso. Mi piaceva l'idea di un passaggio temporale e di un mondo parallelo, ma attualmente sono fermo 'con le quattro freccie' come direbbe 100% Brumotti.
Bene. L'aggiornamento sui miei lavori è tutto qui. Solo due parole sui libri che ho sul comodino. Uno è Hyperion di Dan Simmons, che mi affascina, più per la scrittura che per la storia, anche se poi di storie ce ne sono più di una, e chi lo conosce sa di che parlo. L'altro è Canone Inverso di Paolo Maurensig, iniziato ieri sera e ... vedremo.
Per ora, buonanotte a tutti.
TIM

2 commenti:

  1. Ovviamente buon lavoro, e visto che c'é tanta carne al fuoco speriamo che ne venga fuori una bella grigliata mista capace di accontentare tutti i palati, ma soprattutto il tuo ;-)

    RispondiElimina
  2. Grazie. Piuttosto speriamo che essendo tanta, qualcosa non vada bruciato!
    Temistocle

    RispondiElimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...