Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

mercoledì 8 settembre 2010

E' arrivato Tore!

Come avevo annunciato in un commento al post di Ariano di ieri, eccovi un raccontino/favoletta per adulti (non nel senso di 'a luci rosse'!). Lo trovate sull'altro mio blog, I racconti del garage, dove ci sono anche gli altri due racconti messi finora in rete. "Tore", si intitola così, è un lavoretto di 2000 parole di una decina di anni fa, senza grandi pretese, ma mi è sempre piaciuto perché usa un linguaggio e un modo di esprimermi che non ho mai più ritrovato dopo di allora. E' una storia semplice, senza alieni, impianti sociologici e viaggi nel tempo di altri miei racconti. Fotografa la storia di uno 'scemo del villaggio' che forse non è poi così scemo. E' solo da leggere in due minuti e, se volete, conservare. Come questa canzone.
TIM

5 commenti:

  1. Letto. E' molto poetico, forse un po' troppo breve. Io ho sfruttato un'idea molto simile per scrivere il terzo racconto di "Trilogia veneta sognata".

    RispondiElimina
  2. Grazie molto. Penso di dover essere contento, perché è il primo commento che ricevo ad un mio lavoro. Anzi per la verità c'era stato qualcun altro che mi aveva scritto qualcosa su un altro racconto che gli avevo mandato, ma è il primo commento sul blog.
    E' vero, è 'poetico' e ho voluto lasciarlo breve così com'è perché ho provato a darci una guardata, ma non sono più riuscito a creare quell'atmosfera. Forse è meglio così.
    Temitocle

    RispondiElimina
  3. Be' grazioso, come dice Ariano è poetico. Mi sembra che hai lavorato molto sui sentimenti e sul carico di emozioni e quindi dovrebbe ampliato darebbe molta più empatia, anche se come prima impressione e molto buona.

    Ah, ciao e il primo commento che faccio sul tuo blog e quindi piacere di conoscerti:-)

    RispondiElimina
  4. @ ferruccio.
    Ci siamo incrociati qualche volta nei commenti ad altri blog, e comunque benvenuto nel mio garage. Sono contento che 'Tore' sia piaciuto anche a te e spero che lo stesso effetto abbia fatto a qualcun altro che magari l'ha letto ma non ha voluto commentare. Come dicevo ad Ariano, non sono mai riuscito ad aggiungere o cambiare anche una parola al racconto perché ogni volta mi sembrava di manomettere un meccanismo (quasi) perfetto. Normalmente scrivo di cose e con stile diverso, ma chissà che qualche volta non mi venga in mente un'altra storia così.
    Temistocle

    RispondiElimina
  5. Fai bene a lasciarlo andare come ti è venuto:-)
    Oh sì credo che ci sia molta gente che legge e non commenta... ed è un peccato. Ma va bene lo stesso, succede anche a me sul mio blog, specialmente quando posto un racconto

    RispondiElimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...