Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

lunedì 12 marzo 2012

Il lustrascarpe, di Alessandro Cascio

Il titolo esatto di questo brevissimo ma interessantissimo ebook è  Il lustrascarpe di uno dei migliori locali d'America e altri racconti di  Alessandro Cascio , edito da Kult Virtual Press.
Non conoscevo Alessandro Cascio e fare qualche ricerca per questo post mi ha fatto conoscere un personaggio sicuramente fuori dall'ordinario e sopra le righe. E quest'intervista può dire qualcosa in più a chi ancora non lo conosce. Ma non è di lui che voglio parlare, bensì dell'ebook in questione.
Trenta pagine in tutto, 4 racconti chiari e puliti.
Chi è Paul Metista oltre a sembrare un lustrascarpe coscienzioso e onnipresente? La strana storia di Ingrid Klimke, Bertold Bleumer e del giovane Gustav Jung. Uno (sporco) divertimento per un gruppo di ragazzi che giocano a fare gli uomini duri. Un poeta Imbecille (con la I maiuscola) che rispetta le regole; fino alla fine.
La lettura è piana, grazie ad una scrittura effervescente, che non si perde in rivoli svolazzanti ma non è neanche stitica; racconta il giusto e con le giuste parole. Ogni personaggio sta in piedi da solo; e pur essendo storie brevi, mi sono chiesto spesso dove l'autore volesse andare a parare. Che per dei raccontini, a mio parere, è gran cosa: vuol dire che suscitano attenzione.
Il mio post è tutto qui, niente di stratosferico, solo la segnalazione di un ebook che può riempire un'attesa dal commercialista o dal dentista (entrambi eventi traumatici) o una fila alla posta facendo volare via il tempo.
In conclusione: placet. Voto: 7.


TIM

2 commenti:

  1. A quanto pare ti è piaciuto....
    Poi non importa se un post sia stratosferico o meno, l'importante che sia sentito.
    Il tuo lo è quindi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sforzo di dire quello che sento leggendo lavori che magari passano inosservati perché brevi, vecchi o gratuiti. Spesso si pensa che se una cosa non si paga non vale niente (discorso vecchio, vero?) ed invece a volte non è per niente così.

      Elimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...