Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

giovedì 5 maggio 2011

La Biblioteca virtuale di Uqbar


rubata qui

E' qualche giorno che non ci sentiamo e così eccomi qua a rassicurarvi: sono ancora qua!
Ma brevemente, perché questi sono giorni un po' frenetici. Perciò vado subito al dunque e vi segnalo un portale che potrebbe fare al caso di chi cerca qualcosa da leggere, anche autori nuovi, famosi, e soprattutto... gratis!
Cerchi Faletti, Follet, Marquez, ma anche Campanile, testi alchemici e Mao-Tse-Tung? Vai alla Biblioteca Virtuale di Uqbar, ed è tutto a portata di mano. Testi integrali che aspettano solo di essere letti. E' vero che non è possibili scaricarli (almeno io non ci sono riuscito), ma una banalissima (anche se scocciante) operazione di copiaincolla, un passaggio da Calibre e l'ereader si aggiunge di nuovi titoli. E pazienza se non c'è la copertina con la foto dell'autore: quello che interessa è il testo, e quello c'è.
Il Progetto Babele parla di questo sito come di una Confraternita che si riunisce in un Cenacolo a Uqbar e qui mette in rete i propri lavori letterari. Si potrebbe trattare, come penso, di un riferimento al racconto di J.L. Borges Tlon, Uqbar,Orbis Tertius, dove un gruppo di intellettuali (Orbis Tertius) immagina un mondo nuovo e cospira per crearlo. E da Uqbar, paese dell'Asia Minore dove si èsviluppata una letteratura fantastica, parte la ricerca del narratore Borges alla ricerca di questo mondo intellettuale perduto.
Nel mondo di oggi, non quello creato dallo scrittore argentino, esistono -o esistevano, non so- legati a questo paese fantastico, un esperimento di scrittura creativa chiamato L'elenco telefonico di Uqbar e un'Associazione Uqbar, di cui però non sono riuscito a trovare nessun segno di vita attuale, oltre ad un quotidiano. Come sempre, se hai altre notizie da dare in proposito sei il benvenuto.
Più prosaicamente, come dicevo sopra, se hai voglia di leggere, fai un salto a Uqbar e spulcia nell'elenco della bandella a destra: qualcosa che ti piace lo trovi sicuramente.
TIM

10 commenti:

  1. Interessante. Vado subito a curiosare, senza contare che Borges è uno dei miei idoli letterari ;-)

    RispondiElimina
  2. Accipofferbacco! Ma c'è davvero una quantità mostruosa di roba lì dentro! Ma non può essere legale una cosa del genere, vero? ;)

    RispondiElimina
  3. Vado a spulciare!
    Ci sentiamo con calma in questi giorni. ;)

    RispondiElimina
  4. Copiato e Segnalato nel mio "ebook gratis" ^_^

    Visti i titoli, ho paura che qualcosa di illegale ci sia, visto che sono presenti titoli di Ken Follett e altri autori contemporanei. Cmq... ^_^

    RispondiElimina
  5. @ Ariano: troverai un po' di roba anche di Borges.
    @ Gian: se è in libera lettura penso sia legale anche copiaincollare, altrimenti avrebbero messo l'impossibilità di usare l'opzione 'copia'.
    @ Nick: chi si risente! dammi tue notizie quando vuoi.
    Temistocle

    RispondiElimina
  6. @ Glauco: nel frattempo ti avevo scritto in privato. Sarà pure illegale, ma visto che qualcuno lo ha fatto non so' se sia illegale per chi copia. Io non ho trovato da nessuna parte un divieto. D'altra parte sono titolo che compaiono da moltisimo tempo (ne ho trovati dal 2009) e non c'è stato nessun intervento per vietarli o oscurarli.
    Temistocle

    RispondiElimina
  7. Chi copia e non divulga probabilmente non può essere perseguito, ma ho (quasi) la certezza che riprodurre integralmente un'opera protetta da diritti d'autore e divulgarla sia illegale. Comunque, nel dubbio, mi darò da fare prima che lo chiudano! Eheh ;)

    RispondiElimina
  8. @ Gian: anch'io so che divulgare opere integrali senza il permesso è reato, ma, ripeto, questo sito è aperto da tantissimo tempo e non è mai successo niente, per cui... Su youtube, ad esempio, quando c'è qualcosa di illegale, i video vengono sempre subito rimossi.
    Temistocle

    RispondiElimina
  9. per vedere se è legale o no basta segnalare il link alla polizia postale e poi vedere cosa succede! :P

    RispondiElimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...