Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

giovedì 27 gennaio 2011

Lenin, Stalin, Mao-Tse-Tung !

Algeria, Tunisia, Egitto, Congo, ora Yemen, e forse ho dimenticato qualcuno. La rivolta della fame dilaga. La guerra del pane, la battaglia di chi non ha più niente da perdere, si espande a macchia d'olio in Africa; ma i recenti fatti di Grecia non mettono al riparo l'Europa. I nostri politici continuano a rassicurarci: la crisi sta passando, anzi no, c'è ancora ma dovremmo lasciarcela alle spalle entro quest'anno; forse entro il prossimo. Nel nostro mondo capitalista (o postcapitalista, io non ho i fondamentali di economia, chi di voi ne sa di più ce lo può spiegare) si punta a far girare il denaro: dobbiamo consumare, quindi spendere e il denaro speso si rimetterà in circolo e servirà per nuova produzione e via così.
Ora in Italia, penso io da ignorante in materia, in questi due anni da quando ci hanno detto che c'era la crisi, la cassa integrazione (cioé noi con le nostre tasse) ha pagato gli stipendi delle famiglie rimaste senza reddito per i licenziamenti. E adesso che la suddetta cassa è finita perché non ci sono quasi più soldi, che le assunzioni non riprendono, anzi la disoccupazione aumenta, quali soldi gireranno? Come si nutrirà il mostro dell'economia chiamato 'consumismo', inteso sia in senso economico che etico?
Proprio questa mattina ho letto che il ministro Frattini ha dichiarato che l'Italia si impegnerà a far capire all'Europa che la Cina è un partner politico oltre che economico.
E' vero che ormai la Cina ci ha invasi economicamente comprando una buona fetta dei negozi italiani che hanno chiuso per la crisi; è vero che, sempre la Cina, è in pol position per l'acquisto dei cosiddetti bond europei che dovrebbero essere emessi a breve per coprire i debiti degli stati membri, il che significa che poi noi dovremo ridare a loro questi soldi con gli interessi (insomma ci terranno per le palle). E già questo significa che il loro modello economico, un capitalismo - marxista se mi passate il termine sintetico da ignorante, ha vinto sul nostro: non solo non ha subito le spallate della crisi mondiale, ma anzi la loro economia ha un incremento annuo di oltre il 10%.
Ma dire che la Cina è partner anche 'politico' significa affermare che per salvarci dalla cacca dovremo diventare anche noi capitalisti-marxisti? Che in fondo Mao Tse Tung c'aveva azzeccato? che il vecchio slogan gridato in mille cortei quando io avevo 17-18 anni: "Lenin, Stalin, Mao-Tse-Tung" diventerà il nuovo motto della Borsa di Milano? se così facendo non affonderemo mi può anche stare bene (in fondo in fondo il comunista che è in me sta gongolando).
Il dubbio mi viene quando mi torna alla mente la querelle dello stesso nostro ministro riguardo l'assegnazione del Nobel per la pace 2010.
E allora mi chiedo (retoricamente): basta qualche Renmimbi Yuan (la moneta cinese) per ridare la dignità a qualche migliaio di prigionieri politici? o ci stiamo preparando a farli anche a casa nostra che tanto il fine giustifica i mezzi? Spero solo che la rivolta della fame non scoppi anche in Italia: ho paura che diventeremo tutti prigionieri politici. Abbiamo bisogno di vera politica, non di politichese. Abbiamo bisogno di verità, non di veline Ruby-conde. Abbiamo bisogno di impegno, non di panem et circenses.
Qualcuno sa se il Che è in sospensione criogenica?
Per finire.
TIM

5 commenti:

  1. Nemmeno io sono economista, ma la crisi mi sembra che non accenni a smettere... e spero davvero che non scoppi mai la rivolta della fame.
    Guccini non sbaglia mai. :)

    RispondiElimina
  2. Qualche mese fa, commentando l'ambigua iprocrisia di certi governi occidentali verso la Cina e la Russia, ho espresso il timore che ci sarà un "avvicinamento" anche metodologico a questi due paesi. Ovvero, che si diffonderanno in occidente sistemi russo-cinesi per tenere sotto controllo la popolazione, uniformare le volontà, reprimere il dissenso, in cambio di un'elemosina di pane secco e servizi scadenti per non dover vivere nel degrado... Era una provocazione, e spero (sottolineo: spero, quindi un minimo di dubbio ce l'ho) che rimanga una provocazione.

    RispondiElimina
  3. @ Fra e Ariano: Non sono un complottista, ma la realtà che io vedo è molto vicina alle paure da "Grande fratello", in cui tutto è guidato da una regia occulta (ma non tanto se si tengono gli occhi aperti). Le ultime vicende, ma ormai è così da 16 anni!, della nostra politica ci dicono che è molto tempo che onorevoli e senatori passano il tempo a scannarsi tra loro (tutti!) per interessi personali, l'uno contro l'altro, e non legiferano più per il bene dell'Italia.
    Temistocle

    RispondiElimina
  4. Prima era l' oriente la potenza più forte
    ( Egizi, Babilonesi, .. ) poi l' Occidente ha preso il sopravvento, ma ora mi sa ritorniamo a cambiare.
    L' oriente sta iniziando a far paura, e se perfino i nostri politici ritengono sia meglio "avvicinarsi" alla Cina, allora vuol dire che se prima stavamo con la M.... fino al collo,
    ora manco i capelli si salvano!

    E ciò fa veramente paura...

    RispondiElimina
  5. Anticamente la potenza dell'oriente era data da una superiorità culturale che si riverberava su un mondo in cui la conoscenza era messa a frutto del bene di tutti, o comunque i principi erano diversi da quelli occidentali. Purtroppo con l'andar del tempo la cultura occidentale (più orientata verso il saper fare che il saper essere) ha avuto il sopravvento 'fisico' sulla prima, con la distruzione o la colonizzazione (a cominciare dalla cosiddetta evangelizzazione cristiana). Ora non penso che l'oriente metta sul piatto argomenti diversi dai nostri: loro sono solo più realisti e soprattutto più abituati al lavoro di noi.
    Temistocle

    RispondiElimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...