Per riflettere...

La cura di tutte le cure è quella di cambiare il proprio punto di vista, le proprie idee e credenze e con questa rivoluzione interiore dare un proprio contributo per un mondo migliore.

Guardiamo il mondo in un altro modo. (T. Terzani)

giovedì 3 febbraio 2011

Qual'è la notizia?

Forse sono io che vado cercando il pelo nell'uovo.
Ma, con tutto il rispetto per una persona che viene uccisa per essere poi derubata, di questa notizia a me impressiona di più il fatto che nel 2011 c'è gente che all'una di notte fa la fila fuori dagli uffici postali per poter riscuotere la pensione (sia pure di un parente) per non correre il rischio di dover perdere poi tutta la giornata in attesa. E' dai tempi di Caino e Abele che l'uomo uccide per prevaricare, prendere il potere (in questo caso rappresentato dai soldi), ma qual'è la civiltà -e non parlo di società!- che costringe a queste aberrazioni? E chi è anziano e non ha nessuno, cosa fa'? Fa la nottata sulla sua sedia a rotelle per riscuotere ciò a cui ha diritto?
Dalla sede di Napoli di Striscia la notizia è stato realizzato più di un servizio sulle code notturne davanti alle sedi ASL: per il rinnovo dell'esenzione bisognava recarsi nelle sedi preposte; qui si doveva prendere un numero che dava diritto (solo ai primi cento!) di venire a sapere che c'era stata una proroga fino a Marzo e che nel frattempo era valida la tessera scaduta! Non si poteva semplicemente mettere un cartello? E così abbiamo assistito a scene ributtanti, con persone diversamente abili su sedie a rotelle, con stampelle, che dalla sera prima erano in coda per il sospirato numero, nella speranza di non essere il 101°! Cosa bisognava fare davanti a quella signora ottantenne urlante e in lacrime che pregava qualcuno di riportarla a casa perché non ce la faceva più a stare un solo minuto al gelo della notte?
Dov'erano a quell'ora i Direttori e gli impiegati dell'Ufficio Postale di Caltagirone e dell'ASL di Napoli? E se anche, come è stato detto da qualcuno, personalmente questi non possono farci niente perché non c'è il personale, le strutture e chi più ne ha più ne metta, perché nessuno di loro si è premurato di far partecipi del disagio degli utenti (cioé di quelli che gli pagano il lauto stipendio!) i diretti superiori nella scala gerarchica fino al proprio Ministro di riferimento?
Questi non sono problemi italiani come e di più degli scandaletti, veri o falsi, dei nostri politicanti? Finché la gente che abbiamo mandato in Parlamento continua a camminare rasente il muro per ovvi motivi (passatemi l'immagine oscena!) e pensa solo a come non mollare la poltrona, assisteremo a scene come queste: persone che stanno in coda all'addiaccio della notte per poter riscuotere un proprio diritto, pensione o esenzione che sia.
Vergogna!
TIM

7 commenti:

  1. Pensare che c'è chi uccide per denaro mi fa veramente venire da piangere.
    E per il resto, viviamo in un posto del cavolo, dove ciascuno pensa solo al proprio tornaconto, a lavorare meno possibile e se ne frega degli altri, di quelli che devono sudare per pagargli lo stipendio! mi è capitato una volta, in un ufficio, che non hanno potuto mandare un fax perché la persona che di solito protocolla le lettere era assente... una persona è assente e non si può inviare un fax????
    io sono sconcertata ogni giorno di più.

    RispondiElimina
  2. Indubbiamente le fasce più deboli sono sempre più in difficoltà, schiacciate fra microcriminalità dal basso e indifferenza politica dall'alto.
    Spero di poter trascorrere la vecchiaia in un luogo più civilizzato.

    RispondiElimina
  3. @ Fra e Ariano: purtroppo quello che non si capisce, secondo me, in Italia ma in generale dappertutto, è che il mondo di domani sarà come lo stiamo costruendo adesso. Il personaggio di Antonio Albanese, il politico Cetto Laqualunque, esprime perfettamente la situazione; e lui dice che non gliene frega niente di chi verrà dopo di lui, l'importante è fare i propri interessi 'adesso'. Sarò disfattista, ma credo che la generazione dei trenta-quarantenni (con tutti i distignuo del caso!) abbia o stia distruggendo la società, con la mano forte dei più grandi. Il lusso, i simboli del potere, il divertimento sfrenato, la scarsa cultura -non in senso scolastico- sono il loro obiettivo, e la generazione precedente manovra queste teste vuote per i loro sporchi giochi di potere. Ho rabbrividito davanti a quest'intervista a Fabrizio Corona che ha scritto il suo primo, come lui stesse afferma, romanzo giallo (http://blog.panorama.it/italia/2011/02/02/fabrizio-corona-bullo-e-impossibile-scrive-il-suo-primo-libro/): ha già scritto 3 libri ma non ne ha mai letto uno seriamente! Purtroppo l'Italia, oggi, è questa! e scusate la generalizzazione, ma purtroppo si dice che fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce; e in questo caso. Sono sempre più disgustato!
    Temistocle

    RispondiElimina
  4. La violenza ingiustificata oggi è tutelate da faraginose pratiche oserei mistiche l'impunibilità e la strafottenza generano questi episodi, poi aggiungiamoci che nel nostro paese ci sono istituzioni inutili che per prolungare la loro esistenza creano burocrazia inutile per la loro sopravvivenza. I ruoli decisionali e dirigenziali sono in percentuale smodata e pur nella facoltà non prendono mai decisioni, e non fanno altro che palleggiarsi le responsabilita partorendo come al solito questi mostri...

    RispondiElimina
  5. @ Mark: non posso che darti ragione. Purtropoo la nostra società (giusridica, legislativa, sociale, politica, ...) sembra costruita in modo kafkiano, per dire tutto e il contrario di tutto, ma soprattutto per mantenersi in vita come scopo primario.
    Temistocle

    RispondiElimina
  6. Avete detto tutto voi.
    A sviscerare come e perché accadono queste cose, c'è da rabbrividire.
    Ma sul serio.

    RispondiElimina
  7. @ Cyber: è verissimo; a volte fa più ribrezzo la motivazione di queste aberrazioni che non il fatto stesso. Riguardo il discorso di napoli e della coda per l'esenzione, qualche giorno fa, sempre Striscia la Notizia è andata dal responsabile competente (si fa per dire!) dell'ASL il quale non ne sapeva niente e che anzi aveva dato ordine sin dall'inizio dell'anno di avvisare gli utenti che c'era stata una proroga della validità dei tesserini fino a settembre. Di fronte all'inviato di Striscia ha chiamato il suo vice e da lui ha scoperto per nessuno aveva fatto niente per emanare gli avvisi alla gente e si è anche preso un cazziatone in diretta televisiva. Non sarebbe stato meglio licenziarlo in tronco per giusta causa?
    Temistocle

    RispondiElimina

fatti sentire

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...